Sconto del 30% su tutte le opere con il codice shop30 | Spedizione gratuita per ordini superiori a 100€

Sconto del 30% su tutte le opere con il codice shop30 | Spedizione gratuita per ordini superiori a 100€

Image Alt

Il colore blu e i suoi significati

Il colore blu e i suoi significati

Ciao di nuovo! Oggi vi porto un nuovo articolo della collana dedicata alla simbologia del colore. Finora abbiamo parlato dei colori rosso e giallo, e oggi parleremo del colore blu.

Come sempre vi dico che questo è un primo approccio alla storia simbolica di questo colore. La cosa più importante, dal mio punto di vista; è che TU possa riconoscere quale ruolo ha questo colore nella tua vita.

Nel tempo possiamo trovare significati diversi a seconda delle culture, dei tempi e delle latitudini. Allora iniziamo!

Il colore blu insieme al rosso e al giallo costituiscono la triade dei colori primari sulla ruota dei colori, cioè; quei colori di base che non possono essere generati.

Per il poeta, politico e artista Johann Wolfgang von Goethe il colore blu è il colore dell’intelligenza, della saggezza, della riflessione e della pazienza. Induce raccoglimento, fornisce una sensazione di spazio aperto, è il colore del cielo e del mare calmi, e quindi evoca anche pace e quiete. Agisce come uno stato d’animo tranquillo, calmante e invitante al pensiero.

Nel 1910 il pittore russo Vasili Kandinsky (1866-1944) suggerì un rapporto “inevitabile” tra le forme di base – triangolo, quadrato e cerchio – e i colori primari; da cui è risultata la formula: triangolo giallo, quadrato rosso e cerchio blu. Ma come è arrivato Kandinsky a questa formula?

Nel suo libro Dallo spirituale all’arte (1911) Kandinsky spiega che la forma è la delimitazione di una superficie interna da una superficie esterna; può riferirsi a un oggetto reale o a un’entità astratta come un triangolo, un quadrato o un cerchio. Il colore, dal canto suo, viene prima immaginato astrattamente e, appena delimitato da una superficie, acquista una certa tonalità. Interessante vero?

Secondo il Dizionario dei Simboli di Chevalier e Gheerbrant, il blu è considerato il più immateriale dei colori: la natura generalmente ce lo presenta solo, fatto di trasparenza, cioè di vuoto accumulato, vuoto d’aria, vuoto d’acqua, vuoto di vetro o del diamante… un vuoto esatto, puro e freddo. È anche considerato il più freddo dei colori.

Se applichiamo il colore blu ad un oggetto tende a scomparire schiarendone le forme, aprendolo e infine a disfarlo. Quindi si può dire che un muro dipinto di blu, anche se realizzato in cemento o altro materiale, perde densità quando viene dipinto di blu. Suoni e movimenti si perdono in questo colore, proprio come gli uccelli nel cielo.

Così, tutto ciò che è reale diventa immaginario e ciò che è definito diventa indefinito.

In letteratura lo possiamo vedere associato all’uccello azzurro, simbolo di felicità ma irraggiungibile o allo specchio di Alice nel Paese delle Meraviglie, dove quando lo attraversiamo veniamo trasportati in un altro mondo o nel sognato Principe Azzurro! Anche qui troviamo il rapporto del colore blu con un elemento vicino ma irraggiungibile! Tieni presente che questa espressione “principe azzurro” è anche un modo popolare di riferirsi a quel rubacuori onirico e qui potremmo entrare nella questione culturale e psicologica ma non è l’argomento di questo articolo.

Il celeste è il sentiero della fantasia, e quando si oscura diventa il sentiero dei sogni.

Durante l’atto dell’addormentarsi, il pensiero cosciente lascia gradualmente il posto all’inconscio, proprio come la luce del giorno lascia il posto alla notte. In questo momento vengono in mente le immagini dei dipinti surrealisti di Dalí, dove in molti di essi possiamo apprezzare cieli celesti sognanti.

Le pareti delle necropoli egizie erano generalmente ricoperte da un rivestimento azzurro. È stato anche detto degli egiziani che consideravano il blu il colore della verità.

Questo colore era così importante per questa civiltà che riuscirono a creare il primo pigmento sintetico della storia, ed è stato chiamato Blu Egiziano dal 19° secolo per distinguerlo dagli altri blu. A poco a poco perfezionarono la tecnica, che consisteva nel macinare silice, calce, rame e una base alcalina, e riscaldarla ad una temperatura di 800-900 gradi Celsius. Il risultato ottenuto è considerato il primo pigmento sintetico della storia.

Verità, Morte e Dei vanno insieme, e per questo l’azzurro celeste è anche la soglia che separa l’uomo da chi governa il suo destino dall’aldilà.

Il sacro blu – l’azzurro – è il campo elisio, la matrice attraverso la quale passa la luce dorata che esprime la loro volontà: blu e oro, valori femminili e maschili.

Zeus e Yahweh sono seduti sul suo trono con i piedi nell’azzurro, cioè dall’altra parte di quella volta celeste che in Mesopotamia si chiamava lapislazzuli, e che il simbolismo cristiano ha trasformato nel mantello che copre e vela la divinità ( POR) .

Azzurro con tre gigli d’oro è anche lo stemma della casa di Francia, proclamando così la sua origine teologica e sopraterrestre dei re cristiani. Pensiamo alla frase popolare “è di sangue blu” per riferirsi a persone che discendono da regalità o che sono imparentate con qualcuno di loro… si dice che questa espressione sia nata in Spagna alludendo al pallore dell’aristocratico che non si era sposato con famiglie arabe o ebree. La sua pelle era così bianca e trasparente che si potevano vedere le vene.

Il blu e il bianco, i colori mariani, esprimono il distacco dai suoi valori. Il mondo e il volo dell’anima liberata verso Dio, cioè verso l’oro che verrà incontro al bianco verginale durante la sua ascensione nell’azzurro celeste. Troviamo qui, apprezzata positivamente dalla credenza nell’aldilà, l’associazione dei significati mortuari del blu e del bianco.

Il blu è il colore dello yang, del drago geomantico, e quindi delle influenze benefiche. Huan (blu), il colore del cielo scuro e lontano, evoca lo sguardo dell’immortalità, ma anche, se interpretato secondo il re Tao-te (cap.1), come l’immanifestato.

I colori emettono una sottile vibrazione che ci colpisce nel bene e nel male in modo ovvio e non così ovvio. Secondo la cromoterapia il blu è un colore freddo e fluido in continuo movimento, molto facile da assimilare, ma il suo eccesso può creare insicurezze e instabilità.

Come abbiamo visto, questo colore può assumere diversi significati. Ora è il momento di chiederci che valenza e simbologia ha questo colore nella mia vita?

Spero che tu abbia trovato questo articolo interessante e se hai domande puoi lasciarle nei commenti.

Se sei interessato a conoscere i miei laboratori di arte, creatività o arteterapia, puoi cliccare QUI! così puoi vedere tutte le informazioni.Puoi fissare una call di 15 minuti gratuita via Zoom per chiarire dubbi o domande. Per fissare un appuntamento puoi cliccare QUI

Se sei appassionato di questo argomento, potrebbero interessarti anche:

Il colore rosso e i suoi significati

Il colore giallo e i suoi significati

Presto parleremo di un nuovo colore.

Fino alla prossima volta!

Adriana

Fonti:

Chevalier, Jean e Gheerbrant, Alain

Dizionario dei simboli

Post a Comment

a
WeCreativez WhatsApp Support
Our customer support team is here to answer your questions. Ask us anything!
👋 Hi, how can I help?